Fai Login o Registrati per scaricare i media e creare liste
Copertina
Suggerisci modifica o segnala un errore

Wikipedia (e i suoi fratelli) per fare rete e migliorare i servizi

; ; ; ;

JLIS,

DESCRIZIONE

Solamente cinque anni fa, i bibliotecari, archivisti e operatori museali italiani erano sia interessati sia scettici di collaborare, come professionisti dell'organizzazione della conoscenza, con Wikipedia. Tuttavia, oggi ci sono numerose iniziative e progetti in quest'area, dunque è possibile trovare un terreno comune. I professionisti sono stati coinvolti direttamente come editori, rendendo maggiormente visibili le proprie collezioni tramite la digitalizzazione in Commons e Wikisource, e come mediatori, aiutando i propri utenti a diventare Wikipediani. Recentemente sono nate alcune esperienze con l'obiettivo di integrare i servizi tradizionali (cataloghi, servizi di reference, etc.) e i progetti Wikimedia. La tecnologia dei linked open data incrementa questa possibilità. L'organizzazione dell'enciclopedia libera è piuttosto differente dal funzionamento e dal contesto istituzionale. Sarebbe necessario il monitoraggio delle reciproche influenze. Il coordinamento MAB è stato creato per integrare i servizi e le capacità professionali di musei, archivi e biblioteche. Il MAB è il luogo giusto per professionisti di differente tipologia che vogliano condividere le proprie esperienze. L'articolo presenta i progetti sviluppati in Toscana negli ultimi due anni, principalmente nelle biblioteche e nei musei.

DETTAGLI

FORMATO : PDF
LINGUA : italiano
LICENZA : CC-BY 4.0
ARGOMENTI : # in Opere interdisciplinari di consultazione e informazione / Biblioteconomia
TAG : tag: Wikisource , Wikipédia , Biblioteche , Archivi , Musei , MAB Toscana , Università degli Studi di Firenze , Palazzo Strozzi , Università degli Studi di Siena. , Wikisource , Wikipédia , Libraries , Archives , Museums , Tuscany MAB , University of Florence , Palazzo Strozzi , University of Siena
LIVELLO SCOLASTICO: Università
FONTE : JLIS.it; Vol. 9, No. 3 (2018): Wikipedia, Libraries and Archives; 121-131