Fai Login o Registrati per scaricare i media e creare liste
Copertina
Suggerisci modifica o segnala un errore

DESCRIZIONE

Il palazzo residenza del sovrano, luogo di udienza, sede di amministrazione, è per tutto il Medioevo l’edificio a cui si connette la rappresentazione del potere. Le soluzioni spaziali sono diverse, ma rimane determinante il modello del palazzo imperiale romano. Dal legame con questo inarrivabile prototipo si originano le esperienze più significative dei secoli VI-VIII, anche per quanto riguarda i centri del potere ecclesiastico (si pensi al palazzo episcopale di Parenzo), attirato fin dall’età costantiniana nella sfera dell’amministrazione pubblica. I nuovi sovrani romano-barbarici si insediarono nei palazzi pubblici romani, come segno di legittimità del loro governo. Nel Nord Europa i Carolingi impiantano enormi palatia in ampi spazi aperti, ove le scelte progettuali non sono condizionate da preesistenze, e i modelli residenziali classici vengono assunti in modo più libero. Massimo esempio è il palazzo di Acquisgrana, di cui si conserva in ottimo stato la famosa Cappella Palatina. A essa si contrappone idealmente, come altrettanto esteso e magniloquente manifesto politico, il palazzo papale del Laterano a Roma, ampiamente trasformato alla fine dell’VIII secolo da papa Leone III.
Fa parte del corso: Alto Medioevo - Arti visive

DETTAGLI

FORMATO : HTML
LINGUA : italiano
LICENZA : Tutti i diritti riservati
ARGOMENTI : # in Arti / Stili artistici /
Scienze umane / Storia / Storia:dalla preistoria al presente / Storia dell'arte: arte bizantina e medievale dal 500 d.C. al 1400 d.C. / Storia medievale / Storia: dal 500 d.C. al 1450-1500 d.C.
TAG : tag: Alto Medioevo - Arti visive
LIVELLO SCOLASTICO: Scuola secondaria di 2° grado